Come accedere al microcredito per liberi professionisti e aziende.

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Realizza la tua idea.

Questo è il messaggio promosso dall’Ente Nazionale per il Microcredito attraverso la sua attività di finanziamento a micro-imprese e professionisti privi di garanzie, per creare o sviluppare la loro attività. Questo significa che, per l’accesso al prestito, non occorre presentare alcun documento contabile né garanzie, e l’elemento che sarà valutato sarà sostanzialmente la fattibilità del tuo progetto.

Il microcredito non è concesso direttamente dallo Stato, ma dalle banche e dagli istituti finanziari, ai quali dovrà essere inoltrata la richiesta, mentre lo Stato funge da garante dell’operazione e del suo sviluppo.

Fatta questa piccola premessa, se sei interessato al micro-credito e vuoi capirne modalità e termini, in questo articolo troverai tutte le informazioni necessarie.

Iniziamo!

In questo articolo

Cos’è il microcredito. 

Il microcredito è lo strumento, pensato dall’Ente Nazionale per il Microcredito, che ha lo scopo di rispondere alle esigenze di finanziamento di micro-imprese e professionisti privi di garanzie che hanno difficoltà ad accedere all’ordinario credito bancario.

Il microcredito offerto non è un semplice prestito, ma un vero e proprio sistema di servizi finanziari e non finanziari che saranno messi a tua disposizione.

Come sottolinea l’Ente, ciò che contraddistingue il microcredito dal credito ordinario, quello cioè concesso da una qualsiasi banca, è l’attenzione e il sostegno alla persona, dalla fase di pre-erogazione a quella di post-erogazione, ponendo particolare attenzione alla validità e sostenibilità del tuo progetto

Questo strumento è quindi particolarmente interessante per le micro-imprese (società e ditte individuali di ridotte dimensioni) e professionisti che hanno la necessità di ottenere un piccolo prestito per l’avvio o per incentivare la propria attività, senza dover accedere a bandi di milioni di euro.

Quali sono i soggetti che possono accedere al microcredito.

Possono richiedere il finanziamento sia i lavoratori autonomi che le aziende aventi la forma dell’impresa individuale o che operano sotto forma societaria, che rispettano i seguenti requisiti: 

  • lavoratori autonomi titolari di partita Iva da non più di 5 anni e con massimo cinque dipendenti;
  • imprese individuali titolari di partita Iva da non più di 5 anni e con massimo cinque dipendenti;
  • società di persone (società in nome collettivo, di società in accomandita semplice e società semplice), società tra professionistisocietà a responsabilità limitata semplificate e società cooperative, titolari di partita Iva da non più di 5 anni e con massimo dieci dipendenti.

Per le imprese individuali e le società, costituite da più di 1 anno e 6 mesi, gli altri requisiti patrimoniali richiesti per poter chiedere il finanziamento, sono:

  • attivo patrimoniale inferiore a 300.000 euro;
  • ricavi di esercizio inferiori a 200.000 euro;
  • livello dell’indebitamento inferiore a 100.000 euro. 

Caratteristiche del microcredito. 

Il finanziamento viene concesso dietro la stipula di un mutuo chirografario a tasso fisso, garantito per l’80% dal fondo di garanzia (L. 662/1996). La durata minima di questo mutuo è di 24 mesi (2 anni) e massima 60 mesi (5 anni) ma con la possibilità di aumentarli di 6 mesi in caso di pre-ammortamento. 

L’importo massimo finanziabile è di 25.000€, aumentati a 35.000€ se le ultime 6 rate sono state pagate in maniera puntuale e se lo sviluppo del progetto finanziato risulta in linea con il raggiungimento dei risultati intermedi stabiliti dal contratto di finanziamento e verificati dalla Banca.

L’80% della somma concessa a finanziamento è garantita dal Fondo di garanzia per le PMI, mentre per il restante 20% non coperto da garanzia pubblica,  la Banca potrà chiedere ulteriori garanzie (personali ma non reali) all’impresa e al professionista. 

N.B. La principale garanzia che la banca potrà chiederti per la copertura del 20% non garantito dal fondo pubblico, è la fideiussione. In questo caso, un terzo garantirà il rimborso del finanziamento per te, obbligandosi verso la banca. Questo vuol dire che se non rimborsi il finanziamento, la banca può rivolgersi per il pagamento direttamente al tuo fideiussore, agendo verso di lui con le azioni previste dalla legge.

Utilizzo del microcredito. 

L’incentivo economico può essere utilizzato per:

  • l’acquisto di beni e servizi connessi all’attività;
  • il pagamento di retribuzioni di nuovi dipendenti soci lavoratori;
  • il sostenimento dei costi per corsi di formazione aziendale;
  • il ripristino capitale circolante e le operazioni di liquidità.

Mentre l’incentivo non può essere utilizzato per accedere alla ristrutturazione del debito per le imprese in crisi.

L’iter da seguire e documenti da presentare.

Il primo step per accedere al finanziamento è quello di recarti in una delle banche convenzionate con l’Ente Nazionale per il Microcredito e presentare la richiesta di accesso al prestito.

La richiesta è totalmente gratuita tuttavia, all’atto di erogazione del prestito, la banca potrà trattenere l’1% della somma erogata per i servizi offerti.

Il servizio di microcredito prevede infatti che, dal momento di erogazione del prestito, un tutor dell’istituto bancario ti assisterà, aiutandoti innanzitutto a capire se il tuo progetto sia realizzabile. Allo stesso modo, il tutor sarà un punto di riferimento per la redazione del business plan e per chiarire eventuali dubbi durante tutta la procedura.

Ed ecco una checklist dei documenti da presentare, a seconda che la tua attività sia stata costituita da più di 18 mesi o meno. 

CHECKLIST DOCUMENTALE per Imprese Neo Costituite e Professionisti.

< 18 mesi

  1. Documento d’identità*
  2. Codice fiscale*
  3. Visura Camerale della ditta e/o società rilasciata da non più di 3 mesi*
  4. Modello attribuzione Partita IVA*
  5. Numero d’iscrizione all’ordine professionale*
  6. Situazione economico/patrimoniale a data recente*
  7. Copia ultime dichiarazioni dei redditi personali dell’amministratore e dei soci con allegati estremi della presentazione*
  8. Eventuali attestazioni professionali connesse alla realizzazione del progetto
  9. Lettera di intenti per l’utilizzo e/o locazione eventuale sito operativo
  10. Copia eventuale contratto di franchising da sottoscrivere per l’avvio del progetto
  11. Preventivi acquisto attrezzature/ macchinari/ stigliature/ supporti hardware e/o software / registratori di cassa connessi all’avvio del progetto
  12. Preventivi di eventuali lavori strutturali nei locali opzionati quali siti operativi
  13. Preventivi per eventuali spese per l’avvio del progetto (pubblicità in genere)
  14. Preventivi eventuali necessarie coperture assicurative di persone e locali
  15. Preventivi per l’acquisto prima fornitura (recenti) ovvero fatture (recenti) quietanzate nel caso di investimenti già sostenuti

CHECKLIST DOCUMENTALE per Imprese Costituite e Professionisti.

> 18 mesi

  1. Copia documento di Identità del titolare e/o amministratore*
  2. Codice Fiscale*
  3. Visura Camerale della ditta e/o società rilasciata da non più di 3 mesi*
  4. Atto Costitutivo e Statuto (esclusivamente per le società) *
  5. Copia delibere assembleari in cui vengono conferiti i poteri all’organo amministrativo a richiedere, perfezionare ed utilizzare fidi bancari (qualora non previsto dallo Statuto) *
  6. Copia modello attribuzione Partita IVA*
  7. Numero di iscrizione all’ordine professionale*
  8. Situazione economico/patrimoniale a data recente (qualora scadenza esercizio chiuso sia eccessivamente lontana-maggiore di 4 mesi) *
  9. Copia ultime due dichiarazioni dei redditi della società/ditta con allegati estremi della presentazione*
  10. Copia ultime dichiarazioni redditi personali dell’amministratore e dei soci con allegati estremi della presentazione*
  11. Dettaglio delle operazioni di leasing se presenti e voci particolarmente significative per una valutazione della situazione economica, finanziaria e patrimoniale.
  12. Dettaglio affidamenti con il sistema bancario (allegando copia e/o ultimo trimestre) *
  13. Preventivi di eventuali finanziamenti richiesti.

*Da presentare in banca

Istituti bancari convenzionati per il microcredito. 

Per la presentazione della richiesta è necessario rivolgersi ai seguenti istituti bancari, convenzionati al progetto di microcredito. 

ABRUZZO (Confidi)
BCC ROMA (L’Aquila e prov.)
BPER (Chieti e prov., L’Aquila e prov., Pescara e prov., Teramo e prov.)
BASILICATA
BPER (Matera e prov., Potenza e prov.)
BANCA MONTE PRUNO (Potenza e prov.)
CALABRIA
BCC DEL CATANZARESE (Provincia di Catanzaro)
BCC MONTEPAONE (Provincia di Catanzaro: Montepaone, Soverato, Squillace)
BCC MEDIOCRATI (Cosenza e provincia)
BCC VIBONESE SAN CALOGERO E MAIERATI (Vibo Valentia e provincia)
BPER (Catanzaro e prov., Cosenza e prov., Crotone e prov., Reggio Calabria e prov., Vibo Valentia e prov.)
BCC DEL CROTONESE (Crotone e provincia, Cariati (CS))
BCC CITTANOVA (Provincia di Reggio Calabria: Bovalino, Cittanova, Gioia Tauro, Maropati, Palmi, Polistena, Rizziconi, Siderno)
CAMPANIA
BPER (Avellino e prov., Benevento e prov., Caserta e prov., Napoli e prov., Salerno e prov.)
BCC SAN MARCO DE CAVOTI(Benevento e provincia) – Progetti Speciali-
BCC CAPACCIO PAESTUM E SERINO (prov. di Avellino: Aiello Del Sabato, Atripolda, Serino; prov. di Salerno: Albanella, Capaccio Paestum, Eboli, Roccadaspide, Trentinara)
BCC SCAFATI E CETARA (prov. di Napoli: Agerola, Gragnano, Pompei, Santa Maria La Carità – prov. di Salerno: Angri, Cetara, Cava dei Tirreni, San Marzano sul Sarno, Scafati, Vietri sul Mare)
BCC FLUMERI (Avellino e prov.)
BANCA POPOLARE VESUVIANA (Napoli, Nola, San Giuseppe Vesuviano, Striano)
BANCA MONTE PRUNO (Prov. di Avellino: Montoro; prov. di Salerno: Area Alburni/Cilento, Area Vallo di Diano, Area Valle dell’Irno)
EMILIA ROMAGNA
BPER (Bologna e prov., Ferrara e prov., Forlì Cesena e prov. Modena e prov., Parm e prov., Ravenna e prov., Piacenza e prov., Reggio Emilia e prov., Rimini e prov.)
BCC RAVENNATE FORLIVESE E IMOLESE (prov. di Bologna, Forlì-Cesena e prov., Ravenna e prov.)
BCC RIVAROLO MANTOVANO (Parma, Colorno)
BANCO DI SARDEGNA (Parma)
LAZIO
BCC ROMA (Frosinone e prov., Latina e prov., Roma e prov., Rieti e prov., Viterbo e prov.)
BANCA POPOLARE DEL LAZIO (Roma e prov., Viterbo e Civita Castellana, Latina e prov., Frosinone e Anagni, Cassino, Sora)
BPER (Frosinone, Latina, Roma, Rieti, Viterbo)
BANCO DI SARDEGNA (Roma, Civitavecchia)
BANCA POPOLARE DEL FRUSINATE (Roma, Frosinone e provincia: Alatri, Cassino, Ferentino, Isola del Liri, Ripi, Veroli)
BCC DI FORMELLO E TREVIGNANO (Formello, Trevignano, Campagnano, Anguillara Sabazia, Cesano, Nepi, Monterosi (VT))
BCC COLLI ALBANI (Provincia di Roma: Ariccia, Cecchina, Ciampino, Frascati, Genzano, Grottaferrata, Lanuvio, Marino, Rocca di Papa)
BCC NETTUNO (Anzio e Nettuno)
LIGURIA
BANCO DI SARDEGNA (Genova, La Spezia, Savona)
BANCA ALPI MARITTIME ( Loano-SV)
LOMBARDIA
BANCO DI SARDEGNA (Milano)
BCC MILANO (Monza e Brianza, Milano e prov., Bergamo)
BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA (Milano)
BCC RIVAROLO MANTOVANO (Prov. di Cremona: Casalmaggiore, Piadena. Prov. di Mantova: Mantova, Gazzuolo, Rivarolo Mantovano, Sabbioneta, Viadana)
BPER (Bergamo, Brescia e prov., Cremona e prov., Lecco, Lodi, Mantova e prov., Milano, Monza e Brianza, Varese)
MARCHE
BPER (Ancona e prov., Ascoli Piceno e prov., Macerata e prov., provincia di Pesaro e Urbino, Porto San Giorgio (FM))
MOLISE
BPER (Campobasso e prov., Isernia e prov.)
PIEMONTE
CASSA DI RISPARMIO DI BRA (Alessandria e provincia, Asti e provincia, Cuneo e provincia, Torino e provincia)
BANCA ALPI MARITTIME (Cuneo e provincia, Torino)
PUGLIA
BPER (Bari e prov., Barletta, Andria, Trani, Trinitapoli (BAT), San Ferdinando di Puglia (BAT) Foggia e prov., Ginosa (TA), Martina Franca (TA), Massafra (TA))
BCC TERRA D’OTRANTO (Lecce e provincia: Carminiano, Melendugno e Monteroni di Lecce)
BCC DEGLI ULIVI TERRA DI BARI (Provincia di Bari: Bitetto, Modugno, Palo del Colle)
BCC SAN GIOVANNI ROTONDO (Foggia e provincia: San Giovanni Rotondo, Carpino, San Marco in Lamis, Rignano Garganico, Manfredonia, Monte Sant’Angelo ,San Severo)
SARDEGNA
BANCO DI SARDEGNA (Cagliari, Nuoro e prov., Oristano e prov., Sassari e prov., Sud Sardegna)
SICILIA
BPER (Agrigento e prov., Catania e prov., Messina e prov., Palermo, Bagheria (PA), Siracusa e prov.)
BANCA AGRICOLA POPOLARE DI RAGUSA (Catania e prov., Enna e Piazza Armerina, Messina e prov. Ragusa e prov., Siracusa e prov.)
BCC LA RISCOSSA DI REGALBUTO (Troina, Agira, Calascibetta) -Progetti speciali-
TOSCANA (Confidi)
BANCO DI SARDEGNA (Livorno, Massa, Pisa, Viareggio (LU))
BPER (Firenze, Marradi (FI), Lucca e prov. , Pistoia, Prato)
TRENTINO ALTO ADIGE
BPER (Trento, Riva del Garda, Rovereto)
UMBRIA
BPER (Terni, Narni)
BCC UMBRIA (Perugia e prov., Terni e prov.)
VENETO
BPER (Belluno, Cortina d’Ampezzo (BL), Padova e prov., Rovigo e prov., Treviso, Mogliano Veneto (TV), Venezia, Chioggia (VE), Jesolo (VE), Verona e prov., Vicenza e prov.)
BCC ROMA (Area Alta Padovana)
CENTROMARCA BANCA (Treviso e prov., Venezia e prov.)
BCC DI MONASTIER E DEL SILE (Mestre (VE), Meolo (VE), Fossalta di Piave (VE), San Donà di Piave (VE), Musile di Piave (VE), Treviso e prov.)

Conclusione.

Bene, siamo arrivati alla fine!

Riassumendo il microcredito è una forma di finanziamento pensata per le micro-imprese e i professionisti privi di garanzie, per l’avvio e lo sviluppo della loro attività.

La somma finanziata può essere di 25.000€ o di 35.000€ e la durata del mutuo dai 2 anni ai 4 anni. Non ti verranno richieste garanzie ma sarà invece verificata la fattibilità del tuo progetto.

La domanda dovrà essere presentata presso una delle Banche sopra indicate, direttamente o attraverso il tuo commercialista.

Vuoi aiutarci a migliorare?

Indica quanto ti è stata utile questa pagina.

0 / 5. 0

Ci dispiace che questa pagina sia stata utile. 🙁

Dicci come possiamo migliorare.

Hai trovato quest’articolo utile o interessante? Si?
Se non l’hai già fatto, ti invito a cliccare mi piace qua sotto e a condividere questo articolo con i tuoi amici e se hai voglia, lasciami un feedback nei commenti. :-)

A te non costa nulla, per me invece è fonte di grande soddisfazione!

Condividi su:

Share on facebook
Share on twitter
Share on linkedin
Share on whatsapp
Giulia Cecchin

Giulia Cecchin

Dottore Commercialista abilitata all’esercizio della professione e iscritta all’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti contabili di Padova n.1990. Laureata in Amministrazione, Finanza e Controllo e in Economia e Commercio presso l’Università Cà Foscari di Venezia.

Vuoi avere maggiori informazioni?

Parla con noi senza nessun impegno.​

Scrivi un commento